Chi siamo

Adesso siamo in tre

In negozio c’è Anita, la titolare dell’attività che ogni giorno alza e abbassa la serranda, ma  questo progetto nasce e si sviluppa grazie alle idee di molte donne e alcuni uomini che frequentano questo posto, ognuno ci mette un pò del suo!

Anita e Brunella hanno una durevole e consolidata esperienza in ambito educativo, che si intreccia con la cura e la capacità di Silvia di unire bellezza e significato negli oggetti.

È così che le attività del negozio sono da un lato molto attente ai bambini e alle loro famiglie e dall’altro tese ad accogliere l’inventiva di chi  realizza oggetti unici perché fatti a mano.

Anita

IMG_8872Da sempre sono attratta da perle e fili, ma soprattutto da piccoli pezzetti di plastica, legnetti, carta, barattolini, conchiglie: sono le cose che usavo quando da piccola mi chiamavano “la fatina dei giocattoli” perché assemblavo, univo e affiancavo questi oggetti costruendo mondi immaginari. Poi, più grande, ho unito questa mia curiosità a quella dei bambini con cui ho lavorato per 20 anni, inizialmente come educatrice nei nidi d’infanzia e poi ricoprendo ruoli di coordinamento in vari servizi e progetti (nidi d’infanzia, centri estivi, ludoteche, spazi gioco, progetti di promozione al gioco e alla lettura, ludobus). Mi sono occupata di progettazione pedagogica e formazione. Ho avviato vari progetti e laboratori che mi hanno permesso di coltivare e sviluppare la mia passione per il Ri-uso creativo degli oggetti e dei materiali.
Vedi il mio profilo su LinkedIn

Brunella

IMG_8308Grazie al contatto con l’infanzia che avviene attraverso la mia professione e formazione (educatrice, animatrice teatrale, insegnante di scuola dell’infanzia) posso nutrire la parte bambina che è sempre presente in me e che si esprime nel curioso interesse a raccogliere scarti, materiali consumati o non più utilizzati, organizzare una raccolta e poi esplorare le molteplici possibilità di unione dei pezzi … per il piacere del gioco. Osservare il gioco spontaneo dei bambini è stato ed è ancora una condizione privilegiata per mantenermi attenta e curiosa al processo di ideazione, costruzione del “gioco del far finta” in cui più essenziali e poveri sono i materiali o gli oggetti utilizzati e più è elevata e stimolata la creatività. Accanto a questo c’è la mia passione per la narrazione, per i libri dedicati ai bambini che muovono pensieri, idee e aprono a mondi fantastici. Mi appartiene e mi appassiona anche il piacere di aggiustare giochi e libri, e dove non è più possibile, mettere insieme materiali e scarti diversi per costruire pupazzi o burattini che danno vita a nuove storie. Il ri-uso è per me offrire un’altra possibilità non solo ai materiali (contenitori, tappi, ritagli di stoffe, pezzi di puzzle,ecc.) ma anche a noi persone, è rimettersi continuamente in gioco! Con TitaBì anche attraverso con la complicità che nasce e cresce nell’amicizia tra donne.

Silvia

IMG_8278Fin da piccola amavo appendere magliette e canottiere alle maniglie dei mobili della casa definendole borsette. Una vera passione per ciò che è bello, una visione estetica che tiene alto il valore dell’idea da cui nasce l’oggetto, più che il suo valore economico. Ho lavorato molti anni come impiegata e ho anche fatto la mamma a tempo pieno, dedicandomi alla famiglia e alle mie due  figlie. Ora che sono cresciute mi sto nuovamente dedicando ad una creatività che ho sempre avuto e che ora voglio aprire anche agli altri.
Le mie creazioni nascono dall’idea che ogni scarto industriale e materiale di recupero racchiude in sè qualcosa di nascosto, così osservo e reinterpreto fino a far riemergere la bellezza negli oggetti e ciò che gli occhi di molti non vedono.
Realizzo collane, borse e pochette, braccialetti e oggetti con materiali diversificati che definisco belli perché curati nei particolari e dotati di un equilibrio di colori, forme e materiali.